Dove sta scritto che il mondo non fisico sia reale?
Noi il vero mondo reale non potremo mai sperimentarlo.
Il mondo reale può essere sperimentato solo dal livello di coscienza che ha creato questo mondo.
Ogni sensazione che abbiamo,per quanto sottile, è soltanto un surrogato di una coscienza totalmente sveglia.

Facebooktwittergoogle_plustumblrmail
rssinstagram

April 25th, 2015

Denaro come unico conforto

filosofia

Viviamo in una società ove l’unico conforto è dato dal denaro. Dove le donne vengono esibite e ostentate come un “asset”. Da qui si evince che l’unico vero risultato del sedicente femminismo è stato quello di smobilitare la donna da membro attivo e produttivo della società,ad elemento puramente passivo,oggetto di conquista puramente seduttiva. Per la maggioranza di loro,basta scopare senza freni ed avere il beneplacito di non mettere mai più le mani in cucina,tutto il resto ha poca importanza. La nuova moneta è il consenso popolare ottenuto tramite la megalomania e l’esibizionismo,concretizzato nei “mi piace” dei social network.

Facebooktwittergoogle_plustumblrmail
rssinstagram

December 7th, 2014

Vivere sull’orlo.

filosofia

Per combattere la criminalità, bisogna comprenderla. Ecco un estratto peculiare,  che può essre utile a capire un certo tipo di cultura.

 

Io oramai vivo fuori dal
mondo, e lo preferisco perché non mi riconosco più in questa ipocrita società,
quindi non relazionandomi più con alcuno non ho contezza di ciò che realmente
si pensi di me, non so se ho fatto male o se ho fatto bene, posso solo dire, o
voglio io sperare, di essere stato un uomo onesto, soprattutto verso le mie idee
ed i miei valori, così come voglio io sperare di essere stato un uomo corretto,
perché sin dal principio della mia storia decisi di fare della correttezza la mia
filosofia di vita.
Lei dice che i pellegrini avevano considerazione idolatrante e che esaltavano le
qualità; io non sono, non riesco a giudicarmi da me stesso, posso solo dire che
fui sempre disponibile con tutti e con chiunque, non aspiro ad essere il migliore,
in media stat virtus ci insegna Orazio. In merito ad i singoli maestri purtroppo
devo dirle che sono ormai una razza quasi estinta, ci sono in giro solo squallidi
musicanti, spesso preferisco tacere perché non riesco a misurarmi con la
stupidità umana, che oltretutto e molto pericolosa, la verità è che dopo l’assenza
di tanti e tanti amici e venuta a mancare la qualità delle persone, oggi c’è
pochezza di tutto in tutti. Con ciò non è che mi voglia elevare a superuomo, no,
sono un comune mortale c quindi umano, solo che non riesco a combattere con
la stupidità, mi infastidisco, preferisco starmene a debita distanza un po’ da
tutti, sfrutto soltanto le mie capacità senza fare affidamento su alcuno, tra l’altro
sono stato educato a ciò quindi essendoci abituato non mi pesa

Facebooktwittergoogle_plustumblrmail
rssinstagram

June 18th, 2014

Sporcare , l’unica funzione della massa.

filosofia

I social network e i gruppi di discussione su internet, sono la prova che l’istruzione obbligatoria sia stata un grandissimo errore.
Mandrie di subumani che sparano amenità, abuso di torpiloquio sgrammaticato (perchè no, la feccia non è in grado neanche di imparare bene una cosa), falliti inutili che scaricano le loro frustrazioni sul primo che capita a tiro: a questo è ridotto la maggior parte del traffico telematico.
Il tutto ammantano da una vigliaccheria e codardia di fondo disgustosa,essendo che questi individui , perpetrano comportamenti disdicevoli consapevoli che sono protetti dietro a uno schermo.
Ma non mi sorprende: sporcare , è l’unica funzione della massa. Lo è sempre stata.

Facebooktwittergoogle_plustumblrmail
rssinstagram

April 30th, 2014

La cosa più patetica, è che da diverso tempo la “cultura della visibilità” ha colpito inesorabilmente anche gli ambienti di sapere.

Questo, Vittorio Sgarbi , lo ha capito e si è adeguato. Carmelo Bene al Maurizio Costanzo Show è follia.

Oggi Platone sarebbe stato invitato al Chiambretti show, per rispondere a 2-3 domande inutili e finire lo spettacolo in burletta.

Questo è il motivo,per coloro i quali se lo chiedono, per il quale Sgarbi va a fare spettacolo in tv.  I vantaggi nell’essere l’ “Idolo della Plebaglia” (soldi ,donne, potere), sono troppi per non prenderli in considerazione.

Lui stesso in una intervista,affermò che: “io vengo  riconosciuto effettivamente come uno dei migliori critici d’arte italiani, non per  l’effettivo lavoro di critico che svolgo, ma per il fatto che appaia in tv”.

L’intelligenza viene sottomessa alla logica dello spettacolo.

 

Facebooktwittergoogle_plustumblrmail
rssinstagram

April 23rd, 2014

mahakala

Sull’inquinamento.

filosofia

Scrivere, scrivere, scrivere.

Era ormai tanto che non scrivevo, tanto l’unico motivo per il quale dovrei scrivere è per me stesso. Tutto il resto è un dare le perle ai porci, come si suol dire.

Certo, oggi parliamo di inquinamento.

L’inquinamento radioattivo ti ammazza, l’acqua al radon, il mercurio nelle cure dentarie, la diossina, lo smog, tutta la merda che volete.

Ma c’è un inquinamento peggiore, l’inquinamento per eccellenza: l‘inquinamento spirituale, quello che ti avvelena l’anima, la mente, quello che ti contamina il dna. Questo secondo la realtà tradizionale.

Nelle società basate sulla gerarchia spirituale (quella vera, non quella bofonchiata da qualche subumano da supermercato esoterico), vigeva una rigida regolamentazione per quanto riguarda l’interazione sociale. Per esempio, nella società castale indiana, se un immondo paria (o intoccabile) osasse avvicinare un appartenente a una casta superiore, anche solo parlare, quest’ultimo avrebbe ricevuto un’inquinamento cosi forte da dover praticare dei rituali purificatori appositi.

Invece nella nostra avanzatissima società moderna, all’intoccabile è permesso non solo avvicinarsi, ma anche parlare, toccare, contaminare in ogni maniera sia fisica che spirituale.

Gli infimi più infimi, ormai osano anche tentare di disquisire su cose di una natura che a loro non sarebbe concesso neppure pensare.

Gli intoccabili hanno vinto. L’unica consolazione è sapere che Mahakala consumerà tutto e tutti.

 

ndr. articolo scritto originariamente il 2 aprile 2011.  L’articolo,per i meno intelligenti che hanno bisogno di spiegazioni, non supporta affatto il sistema delle caste indiane (per ovvi motivi), ma ha l’intento di criticare soltanto la nostra cultura occidentale. Diventata troppo meschina,materialistica, opportunistica.

Facebooktwittergoogle_plustumblrmail
rssinstagram

April 22nd, 2014

Sul dandismo.

filosofia

Non nego che la filosofia dandy ha suscitato in me qualche simpatia in passato.

 

Analizzando meglio il movimento, sono arrivato alla conclusione che il dandismo è un movimento da rottinculo, una di quelle pseudo filosofie che promette tanta spocchia a chi aderisce.
Per esempio, Wilde affermava che l’esercizio fisico da plebei. Un dandy di recente, commentando la mia passata frequentazione nelle palestre,rispose che lui non amava sudare…
Questi sono esempi sufficientemente illuminanti. Queste persone non sapranno mai cosa vuol dire essere un vira. Non conoscono la sensazione di potere, della shakti che scorre violenta nella moltitudine di nadhis, dello stato mentale e della consapevolezza che deriva da tutto questo. Costruire un fisico allenato, permette di avere accesso a una piccola parte di queste sensazioni. Tutta la gente ti sembrerà malata, malformata.
Sottolineo che non è questo a cui anela una via di evoluzione strutturata. Ma chi rifiuta a priori determinate esperienze, è molto probabilmente vittima lui stesso di pessime sovrastrutture e di filosofie bacate.
Una filosofia collegata al dandismo è l’edonismo. Senz’altro è evidente che entrambe si basano su un modo di concepire il mondo puramente materiale. Questo non è necessariamente malvagio.
Ma l’edonismo, è il lusso dei deboli. Per il vira, rappresenta solo uno spreco. Uno spreco di risorse,tempo,energie. Per il vira, l’ozio è sufficiente come forma di vizio, anzi è anche troppo a volte.
Il vira ,inoltre, considera gli instinti primordiali come strumenti che possono essere sublimati per fini assolutamente superiori. Poi bisogna sempre considerare i determinati punti di vista. Il dandy potrebbe divertirsi frequentando locali esclusivi ove sfoggiare i suoi ultimi abiti sartoriali. Al vira potrebbe far schifo tutto ciò (e viceversa), preferendo magari l’esercizio del possedere vite umane,come da retaggio atavico… ma questo,è solo un esempio estremo privo di valore.
Vi chiedete cos’è un vira? Ma devo dirvi tutto io,teste di merda?

Facebooktwittergoogle_plustumblrmail
rssinstagram

April 21st, 2014